Come recuperare i file cancellati

Se hai eliminano accidentalmente uno o più file importanti o se sono misteriosamente spariti, potresti essere ancora in grado di recuperarli. Ma ovviamente non è garantito.

Ma non utilizzare il computer fino a quando si hai correttamente recuperato i file o rinunciato. Ogni volta che si scrive sul disco rigido, si riducono le probabilità di successo del recupero.

Di seguito vediamo una serie di diverse opzioni di recupero ordinate per facilità e costo. Prova la prima. Se non funziona, prova la seconda e così via.

  1. Controllare il Cestino
    Windows non elimina effettivamente i file; li invia al cestino, dove alla fine verranno cancellati. Trovi l’icona del Cestino sul desktop. Fai doppio clic su di essa e cerca l’elemento desiderato. Se lo trovi, premi il tasto destro del mouse su di esso e seleziona Ripristina.
  2. Ripristino dal backup
    Se esegui regolarmente il backup tramite un buon programma, puoi perdere al massimo una giornata di lavoro. Dato che non so quale software o hardware di backup utilizzi, non posso darti le istruzioni esatte, ma ci dovrebbe essere un modo per recuperare i file specifici. E se non esegui regolarmente i si backup dei tuoi file, hai appena imparato una lezione importante nel modo più difficile.
  3. Provare un software di recovery gratuito
    All’inizio ti ho avvisato di non eseguire operazioni di scrittura sul disco rigido quando speri ancora di recuperare i file persi. Al fine di seguire il consiglio, è necessario non solo un programma di recupero di file, ma un programma di recupero file portatile che sia possibile eseguire da una chiavetta flash senza installazione.
    Il programma gratuito che voglio raccomandarti è Recuva Portable (si pronuncia “recover”). Il programma è veloce, semplice, esegue l’anteprima dei file di immagine e funziona in modo affidabile la maggior parte delle volte.
    Ma un consiglio extra (che si applica anche alla fase 4): quando si utilizza un software di recupero, non ripristinare i file nella loro posizione originale, o nel disco originale. Ripristinali in un’altra unità, come ad esempio la chiavetta da cui stai eseguendo il software di recupero.
  4. Paga per un software professionale
    Se Recuva non riesce a recuperare quello che ti serve, ti consiglio File-Rescue Plus. Questo programma, al costo di 40 Dollari, può fare una scansione molto approfondita del disco rigido e può essere in grado di recuperare dati che Recuva non non è riuscito a trovare. Prima prova la versione demo gratuita, che può recuperare fino a cinque file. Se file-Rescue Plus ti piace e devi recuperare più di cinque file, paga i 40 dollari per la registrazione.
    File-Rescue Plus non è portabile, ma è possibile un trucchetto. Installalo su un altro PC, quindi copia il file del programma (FileRescuePlus.exe), nella chiavetta. Questo trucco funziona con la versione demo. Per rendere portabile la versione completa, utilizza il blocco note per creare un file denominato key.ini che non contenga nient’altro che il codice di licenza ricevuto dopo l’acquisto del programma. Inserisci il file key.ini sulla chiavetta nella stessa cartella del programma.
  5. Se non funziona:Vai da un professionista
    Arrivati ad un certo punto, conviene andare da qualcuno con esperienza in questo genere di lavoro. Le ditte più serie e conosciute sono molto costose. E se l’unità stessa funziona ancora correttamente, probabilmente al termine del lavoro non funzionerà più. Prima di rivolgerti ad una ditta specializzata, chiedi ad amici e conoscenti per trovarne una vicina con una buona reputazione nel recupero dei dati.

admin

Lascia un commento